Tenuto in disparte nel dibattito per la possibile concessione ai privati del D'Annunzio, il più piccolo dei due teatri pubblici, ossia il Cafaro, potrebbe finalmente sperare nella riapertura. Dopo il blocco legato a motivi di sicurezza sono previsti lavori sul teatro grande ma la sorte del secondo spazio era rimasta nel limbo, fino alla pubblicazione dell'ultimo elenco di interventi stilato dalla Regione Lazio per la riapertura di 51 strutture medio piccole sparse su tutto il territorio. Parte dei contributi (che sono tanti, circa 5 milioni di euro) andranno per opere già previste da un precedente bando e in specie per Latina si tratta di lavori sulla facciata. Ma un'altra tranche è possibile finisca proprio sul Cafaro che da quando è chiuso ha dismesso praticamente tutte le attività per le quali ha per tanto tempo rappresentato un'eccellenza sul territorio, come la stagione del teatro dei ragazzi. La tranche cui accede Latina fa parte dei 2,7 milioni di euro che hanno in elenco anche il teatro comunale di Valmontone, il teatro Flavio Vespasiano di Rieti e il San Marco di Tarquinia. Il progetto ha come obiettivo quello di far ripartire gli spettacoli dal vivo fortemente limitati nelle ultime due stagioni dalla carenza di spazi.

I dettagli ora in edicola con Latina Oggi