L'associazione Visit Priverno torna sulle condizioni in cui versa il fiume Amaseno, un corso d'acqua che, tra la provincia di Frosinone - dove ha origine - e quella di Latina, attraversa ben 8 Comuni. «È passato circa un mese da quando abbiamo scritto il nostro appello su Facebook per salvaguardare il fiume Amaseno», scrivono i soci in una nota. Ma, purtroppo, «nessuna autorità di competenza si è fatta sentire». Per fortuna, però – sottolineano - esistono i privati. Infatti, sarebbero sono state molte le associazioni locali e le persone che «ci hanno scritto e dato la loro disponibilità, per contribuire economicamente e fisicamente alla pulizia del fiume, nell'ambito di una giornata ecologica». Per il momento, affermano quelli di Visit, anche attraverso una documentazione fotografica, la situazione continua a peggiorare e, mentre l'acqua diventa stagnante ed il livello è sceso di circa due metri, continuano a emergere tonnellate di rifiuti dal letto del fiume. I vari membri dell'associazione non esitano a definire le condizioni del fiume «un vero e proprio disastro ambientale». Però, l'obiettivo fissato - la pulizia del corso d'acqua - starebbe per concretizzarsi. «In questi giorni - continua la nota - abbiamo avuto più incontri con delle persone disposte ad aiutarci». Però, al momento, non è ancora stata fissata la data per la giornata ecologica. Dovrebbe, comunque, essere una domenica di settembre, prima dell'arrivo delle piogge. Operando insieme - conclude Visit Priverno - «restituiremo alla natura ciò che ci ha donato». Sulla vicenda è intervenuta anche la protezione civile Centro operativo Circe: «Da un sopralluogo effettuato sul fiume Amaseno, abbiamo riscontrato una situazione molto grave, oltre alla tanta immondizia che il fiume trasporta, ci sono punti in cui ormai è completamente prosciugato e dove ancora c'è, l'acqua è stagnante ed i pesci stanno morendo». Nei prossimi giorni il Coc tornerà sul fiume e «con le nostre pompe cercheremo di smuovere l'acqua». Inoltre, come già d'accordo con Visit Priverno, il Coc collaborerà per la pulizia del fiume i primi giorni di settembre.