A due giorni dal suo arresto è tornato in caserma per vendicarsi e lo ha fatto accendendo un fumogeno all'interno del comando provinciale dei carabinieri di Latina. L'autore del folle gesto è un cinquantenne di Latina, G.C. le sue iniziali, arrestato stasera mentre stringeva ancora tra le mani una busta piena di fumogeni di avvistamento. Intorno alle 18.30 si era presentato alla caserma Vittoriano Cimmarrusti per onorare l'obbligo di firma quando all'improvviso ha innescato uno dei fumogeni che aveva portato con sé, poi è stato subito immobilizzato. Domenica notte era finito in manette per un episodio che lo aveva visto protagonista di un raptus di follia in un ristorante del lido: in stato di ebbrezza aveva minacciato i titolari del locale con un coltello, poi aveva aggredito i carabinieri intervenuti per fermare la sua folle corsa in auto.