Una giovane donna, ha chiesto aiuto ai militari dell'Esercito Italiano, impiegati nell' Operazione "Strade Sicure", a guida della Brigata Granatieri di Sardegna, perché molestata verbalmente, da un giovane nord africano. I militari, reiterando un protocollo ormai consolidato, nell'ambito di un progetto che li vede cooperare con gli agenti della Polizia di Stato impegnati a garantire sicurezza, al rifiuto opposto dallo straniero di declinare le proprie generalità, hanno chiesto alla sala operativa della Questura, di inviare una pattuglia. Quando gli agenti della Polizia di Stato del Reparto Volanti e del commissariato Borgo, sono arrivati sul posto, nel tentativo di fermare lo straniero sono stati aggrediti. Bloccato ed infine identificato come E.P.A., il 23enne è stato arrestato per oltraggio, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale .
Cure mediche per i poliziotti feriti.  Il personale dell'Esercito Italiano, che ha fermato l'uomo, è effettivo al 17° Reggimento artiglieria contraerei "SFORZESCA" di Sabaudia (LT); un'aliquota di artiglieri si trova nella Capitale per l'Operazione "Strade Sicure" ed è inserita nel Raggruppamento Lazio Umbria Abruzzo.