L'escalation di furti sulle auto parcheggiate su lungomare dai frequentatori del lido non si è interrotta ieri, quando l'afflusso di visitatori, complice la giornata di sole, è aumentato rispetto ai giorni precedenti. Ma proprio alla luce dei casi registrati nei giorni precedenti, sia i cittadini che le forze dell'ordine avevano prestato maggiore attenzione ai movimenti nelle aree di sosta e lungo le strade. Così nel primo pomeriggio di ieri alcuni ragazzi, che avevano parcheggiato in via Lungomare per raggiungere la spiaggia nei pressi di Capoportiere, hanno notato che alcuni giovani si erano avvicinati alla loro vettura e stavano cercando di forzarla. Hanno fatto in tempo a intervenire sventando il furto e sono riusciti a scorgere il modello della vettura con la quale i "topi" d'auto si stavano dando alla fuga. È scattata così la segnalazione alla centrale operativa del 113 che ha messo in moto i controlli mirati della polizia nella zona del litorale.
Grazie proprio alla puntuale descrizione delle vittime, poco più tardi le pattuglie della Squadra Volante sono riuscite a rintracciare l'auto dei ladri all'imbocco di via del Lido, non lontano da Capoportiere: a bordo c'era un giovane che probabilmente aspettava i suoi complici pronto per la fuga. È stato portato, con la vettura, in Questura per gli accertamenti del caso e la sua posizione è al vaglio dell'autorità giudiziaria, anche alla luce dei furti registrati nei giorni scorsi, quando era stata derubata persino una famiglia di turisti stranieri.
Le auto più bersagliate restano soprattutto quelle parcheggiate nei posti isolati e a farne le spese sono soprattutto i posti oltre ai cittadini che raggiungono il lido per una passeggiata in spiaggia. I ladri prendono di mira soprattutto le auto isolate e mandano in frantumi i finestrini per razziare borse e portafogli.