E' stato chiesto il giudizio immediato per i conducenti delle due auto, una Alfa Romeo Mito e una Fiat 500 che erano rimaste coinvolte il 2 luglio scorso in un drammatico incidente stradale in cui era morta la studentessa di Frosinone Gina Turriziani Colonna. L'accusa per i due uomini è quella di omicidio colposo e il magistrato ha chiesto il rito immediato sulla scorta delle consulenze e degli approfondimenti investigativi che sono arrivati dalla polizia locale e dall'analisi della scatola nera della Fiat 500. La vittima era a bordo di una Alfa Romeo che si era scontrata al centro dell'incrocio con l'altra vettura su cui viaggiava una comitiva di Aprilia che proveniva in senso opposto e l'impatto era avvenuto in un punto che già in passato era stato teatro di diversi incidenti stradali.