Nella serata di ieri (20 novembre 2017) è stato sottoscritto, al ministero del Lavoro e alla presenza dei suoi rappresentanti, l'accordo tra le rappresentanze dei sindacati di Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil e dell'azienda Alfasigma sulla gestione degli esuberi. 

A darne notizia sono state proprio le rappresentanze sindacali, che hanno poi ripercorso gli ultimi risvolti relativi alla vertenza che coinvolge direttamente lo stabilimento produttivo ex Sigma-Tau di Pomezia. "L'intesa, raggiunta dalle parti il 7 novembre scorso, è stata poi votata e approvata nella consultazione dei lavoratori del gruppo con un risultato complessivo che ha visto su 1333 votanti, 1295 voti favorevoli all'accordo - hanno aggiunto i sindacati in una nota congiunta -. Ricordiamo che nell'accordo è prevista una considerevole riduzione del numero
degli esuberi, passati da 456 a 300, nelle sedi di Milano, Pomezia, Alanno e Bologna, a seguito della fusione delle società Alfa Wasserman con Sigma Tau. Sempre nell'accordo, è stata concordata la creazione di una nuova linea di informazione scientifica che ha consentito di limitare gli esuberi degli informatori scientifici del farmaco. Infine, è stato concordato nell'intesa un incentivo economico, fino a 45 mensilità, per favorire l'esodo volontario".