Brutta sorpresa per i bambini che frequentano la prima classe dell'istituto comprensivo "Valerio Flacco" di via Bari, a Sezze scalo, che mercoledì mattina hanno trovato le aule fredde a causa di un malfunzionamento delle caldaie che alimentano i termosifoni. La situazione, che sembra non essere una novità, è venuta a galla con i primi freddi di stagione. I problemi nascono da una caldaia che la notte perderebbe acqua e che quindi la mattina non riuscirebbe a raggiungere la pressione sufficiente a scaldare i termosifoni nelle aule. Una situazione che rischia di peggiorare e che quindi ha spinto alcuni rappresentanti di classe ad armarsi di carta e penna e a far presente il problema al sindaco, al vice sindaco e all'assessore competente: «Portando i bambini a scuola constatavamo che i riscaldamenti del plesso erano spenti e i locali a dir poco inospitali, viste le rigide temperature di stagione. Veniva riferito inoltre da genitori che hanno affrontato il problema in passato, di aver già informato di tale disagio codesta amministrazione, ma senza alcun riscontro, se non quello di inviare un tecnico in tarda mattinata per ripristinare la funzionalità della caldaia, momentaneamente, in quanto non risolvendo il problema definitivamente con molta probabilità il giorno successivo gli alunni troveranno di nuovo la scuola fredda. Gli alunni della Caio Valerio Flacco già penalizzati per i ‘noti problemi strutturali' dell'edificio, assolutamente non devono rischiare di rimanere a casa». Da qui le richieste di un intervento immediato che possa scongiurare il ripetersi di situazioni del genere, con il rischio concreto che i bimbi, che frequentano la prima elementare, non possano entrare in aula per il troppo freddo.