Gli atti relativi al progetto della centrale a biogas proposto da "Easy Energia Ambiente" sono stati impugnati troppo tardi dal Comune di Pontinia e per questo motivo il ricorso è stato dichiarato «irricevibile» dal Tribunale amministrativo di Latina.
L'Ente aveva chiesto l'annullamento dell'atto con cui la Provincia di Latina aveva concesso la proroga all'inizio dei lavori. Ieri il deposito della sentenza del Tar, che ha accolto l'eccezione di irricevibilità avanzata dalla Provincia di Latina nella memoria di costituzione. «L'eccezione di irricevibilità - si legge nella sentenza - è fondata perché il provvedimento, seppure protocollato successivamente, è stato inviato dalla Provincia al Comune ricorrente con pec (posta elettronica certificata) del 13 luglio 2016, mentre il ricorso è stato consegnato per la notificazione il successivo 17 ottobre, oltre il termine decadenziale di sessanta giorni» previsto dal codice del processo amministrativo. Il ricorso è stato dunque dichiarato irricevibile.
Improcedibile invece il ricorso per un altro impianto, quello di via della Pace. Questo perché la Provincia di Latina ha revocato l'autorizzazione impugnata con un atto di maggio dello scorso anno. Il ricorso è stato dunque dichiarato improcedibile e anche in questo caso, come per la pronuncia precedente, le spese sono state compensate tra le parti.