Comportamenti «imprudenti e imprevedibili» degli automobilisti alla ricerca di prestazioni sessuali, suolo pubblico occupato in maniera impropria, una questione di decoro pubblico e anche il contrasto a condotte dietro le quali potrebbero celarsi anche fenomeni di rilevanza penale. Sono questi alcuni dei motivi che hanno spinto il sindaco Giada Gervasi, sulla scorta di quanto già fatto anni fa dal Comune di Sabaudia, a firmare un'ordinanza contro la prostituzione. Si rischiano multe fino a 500 euro.
Tante le segnalazioni pervenute da parte dei cittadini e il primo cittadino, che già come consigliere di minoranza nella precedente consiliatura aveva più volte sollevato la questione, è intervenuto direttamente con il provvedimento amministrativo citato, ossia l'ordinanza n°6. Come da ricognizione della polizia municipale, le zone più critiche sono la Pontina (altezza incrocio Migliara 48 e rotatoria Migliara 49) e la strada Rio Martino (altezza lottizzazione). «I pericoli derivanti dai comportamenti connessi con l'esercizio della prostituzione su strada o su suolo pubblico incidono fortemente in modo negativo - si legge nell'atto - sulla percezione di sicurezza urbana, suscitando senso di degrado negli abitanti delle zone in cui il fenomeno si manifesta».
L'ordinanza sarà in vigore dal 1 marzo al 31 maggio. Tra i divieti, quello di porre in essere «comportamenti diretti in maniera inequivocabile a offrire prestazioni sessuali a pagamento»: determinano o quantomeno favoriscono rallentamenti e/o intralcio alla circolazione stradale e pertanto rappresentano un serio pericolo per il transito veicolare. È vietato altresì chiedere informazioni, contrattare o concordare prestazioni sessuali con le persone che pongono in essere i comportamenti vietati già descritti. L'atto firmato dal sindaco è stato comunicato preventivamente al Prefetto, che - si legge - lo ha ritenuto «in linea con la normativa vigente».
Per chi non rispetterà quanto previsto dall'ordinanza rischia di incorrere in multe che vanno da 25 a 500 euro, fatte salve altre fattispecie di illecito penale e/o amministrativo.