Nella giornata di giovedì 22 marzo 2018, il Comune di Anzio ha scritto agli stabilimenti balneari per sollecitare, con la massima urgenza, la pulizia del tratto di arenile in concessione (compresi i 20 metri confinanti sia a destra che a sinistra ed eventuali tratti in convenzione) e la rimozione dei dischetti che hanno invaso il litorale.

"Si invitano tutti gli stabilimenti balneari - è scritto nella comunicazione dell'Ufficio Demanio - a differenziare i dischetti dagli altri rifiuti e a raccoglierli in sacchetti trasparenti che, successivamente, saranno ritirati dalla ditta incaricata dall'ufficio Ambiente".

A partire dal 30 marzo, su disposizione dell'ufficio Ambiente del Comune di Anzio, sarà avviata la raccolta dei sacchi, nei consueti punti di conferimento, in tutti gli stabilimenti del territorio.

Dal 29 al 31 marzo, inoltre, a tutela dell'ambiente marino e costiero, l'ufficio Ambiente ha disposto un intervento straordinario presso le spiagge libere del litorale anziate.

"Ringrazio l'ufficio Ambiente, l'ufficio Demanio, la polizia locale e l'Ufficio circondariale marittimo di Anzio - afferma l'assessore alle Politiche Ambientali e Sanitarie, Gianluca Mazzi - per aver concretamente affrontato la seria problematica ambientale che ha investito anche il nostro litorale. Nel ringraziare anche i volontari che si sono spontaneamente attivati, per la pulizia delle spiagge, invito gli stabilimenti balneari a collaborare, con il massimo impegno, per la salvaguardia della nostra costa".