Nella giornata di oggi, Castellammare di Stabia, Boscotrecase, Torre del Greco, Pompei, Santa Maria la Carità, Volla, Giugliano, Roma, Pomezia (Rm), Napoli, Salerno, Siena, Milano, Bologna, Parma, Vicenza, Scafati, Jesi (An), i militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Castellammare di Stabia, coadiuvati da decine di altri Reparti del Corpo attivati per competenza territoriale, hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente, emessa dal gip di Torre Annunziata su richiesta della Procura torrese, nei confronti di 28 indagati, ritenuti presunti responsabili di associazione per delinquere finalizzata alla truffa aggravata e continuata ai danni dello Stato, al falso ed alla sostituzione di persona.

L'attività d'indagine, avviata nel mese di settembre 2015, permetteva di smascherare un sodalizio criminale i cui promotori, avvalendosi di intermediari abilitati (solitamente risultati meri prestanome) e di procacciatori di soggetti «dichiaranti», hanno nel tempo inoltrato ali'Agenzia delle Entrate almeno 4.459 modelli 730 a nome dei citati contribuenti, relativi alle annualità d'imposta 2013, 2014 e 2015, all'interno dei quali venivano inserite somme riguardanti spese mediche e/ o crediti maturati del tutto inesistenti, quantificati in circa 52 milioni di euro, senza che le stesse fossero supportate dalla necessaria documentazione, con il solo intento di far percepire - ai contribuenti titolari di dette dichiarazioni - un profitto di oltre 25 milioni, grazie a rimborsi Irpef in realtà del tutto indebiti. I contribuenti titolari di dette dichiarazioni, una volta ricevuto l'accredito, dovevano devolvere ai soggetti del sodalizio criminale un «compenso» variabile dal 30 al 50% del rimborso ricevuto. Inoltre le indagini hanno dimostrato come l'organizzazione ha posto in essere anche un ulteriore tentativo di truffa a i danni dell'INPS, presentando 512 modelli 730/4 integrativi 2015, per un totale di 3.697.418 euro. Tuttavia, tale somma, grazie all'attività di indagine in parola, non veniva erogata ai soggetti richiedenti.

Le risultanze delle attività d'investigazione, condotte con l'utilizzo di complesse indagini, anche di natura tecnica, hanno consentito di acclarare che tutti gli indagati si sono garantiti un ingiusto vantaggio patrimoniale grazie al pagamento dei rimborsi indebiti suddetti, secondo le diverse percentuali sopra indicate in relazione al ruolo ricoperto nell'ambito dell'attività truffaldina. Pertanto, a conclusione delle indagini ed a seguito degli accertamenti patrimoniali, la Procura ha chiesto ed il gip di Torre Annunziata ha emesso un decreto di sequestro preventivo «per equivalente» di denaro e beni a carico di tutti gli indagati, sino alla concorrenza della somma sottratta alle casse dell'erario, pari a €. 25.113.098. Nei confronti dei singoli contribuenti, invece, l'Agenzia delle Entrate ha in corso le procedure di recupero delle somme indebitamente percepite, con l'applicazione delle previste sanzioni di natura amrninistrativa.