Stretta della polizia locale di Anzio su tutti gli autolavaggi presenti nel territorio. In particolare, gli agenti diretti dal comandante Sergio Ierace hanno rinvenuto cinque esercizi commerciali aperti illecitamente in locali privi dei requisiti tecnici essenziali: di conseguenza, è scattata la denuncia per sei persone - un italiano e cinque egiziani -, che sono stati deferiti all'autorità giudiziaria di Velletri.

Nello specifico, le indagini hanno dato modo di appurare che i titolari avrebbero falsamente dichiarato l'idoneità dei locali usati per le attività, con l'obiettivo di ottenere dagli uffici competenti le dovute autorizzazioni, a questo punto anch'esse false in quanto rilasciate sul presupposto dell'idoneità tecnica dei locali utilizzati che, invece, non avevano le caratteristiche tecniche previste per i locali industriali.

Tra l'altro, al momento dei controlli, in tutti i manufatti l'attività commerciale era in corso: per la maggior parte di queste è stata accertata la gestione da parte di cittadini egiziani in regola con i permessi di soggiorno, mentre una sola attività è risultata gestita da un cittadino italiano.

Chiaramente, le indagini proseguono al fine di capire quali siano le persone coinvolte nelle false attestazioni, anche perché diversi sono i locali in cui sono stati riscontrati, nel tempo, dei subentri ai primi titolari, sempre rinnovando le autorizzazioni con le false attestazioni di idoneità tecnica finite nel mirino della polizia locale di Anzio.