Quelle urla sono riecheggiate in tutto il palazzo. Impossibile non sentirle. Così il vicinato ha prontamente allertato gli uomini della Polizia di Stato. E quando gli agenti dell'anticrimine sono giunti sabato sera nell'appartamento di piazza Cavalieri di Vittorio Veneto, all'interno di Villaggio Mariotti, hanno trovato un 34enne di origini indiane che stava aggredendo la sua compagna, una connazionale di due anni più giovane.
Bloccato dagli uomini del Commissariato guidato dal vice questore Riccardo De Sanctis, il cittadino indiano è stato allontanato in via precautelativa dall'abitazione con divieto di accesso ai luoghi frequentati dalla moglie. La 31enne, in un evidente stato di ansia, ha mostrato anche ecchimosi all'altezza del collo e altri segni provocati da una recente aggressione fisica. L'indagine, scaturita in seguito all'intervento degli agenti, ha fatto emergere una storia di violenza perpetrata da molto tempo con la donna vittima e incapace di reagire alle vessazioni.
Grazie alle testimonianze raccolte dal vicinato, si è potuto ricostruire un quadro gravissimo di maltrattamenti in famiglia, spesso e volentieri compiuti davanti alla figlia minorenne della coppia. Così, attraverso il materiale raccolto, in poche ore il gip del Tribunale di Latina ha emesso nella giornata di lunedì un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti del 34enne per i reati di maltrattamenti e lesioni, eseguito oggi dagli agenti del commissariato di via Croce.
Durante il fermo è stata anche rinvenuta una roncola. Un'arma bianca in possesso a una persona che si è dimostrata violenta. Un altro aspetto che ha confermato quanto era significativo lo stato di sottomissione da parte della donna, incapace di reagire e denunciare.