Domani in occasione della prima udienza che si svolgerà in Tribunale a Latina, il Comune di Latina presenterà richiesta di costituzione parte civile nei confronti del procedimento penale a carico di una azienda agricola di Borgo Sabotino finita al centro di una inchiesta per sfruttamento del lavoro.  Secondo l'accusa contestata dagli inquirenti l'azienda ha impiegato in modo irregolare due lavoratori sottoponendoli anche allo sfruttamento e approfittando dello stato di bisogno.  Gli imputati, secondo quanto contestato, hanno pagato i lavoratori in modo difforme da quanto previsto dai contratti collettivi di settore e in modo sproporzionato rispetto alla quantità di lavoro svolto, senza rispettare il riposo settimanale oltre che l'orario di lavoro. E inoltre i lavoratori sempre secondo l'accusa si sono trovati a vivere situazioni degradanti e avrebbero subito minacce e imposizioni. «La decisione di costituirsi parte civile nasce dall'interesse di questa Amministrazione – spiega l'Assessora alle Politiche di Welfare Patrizia Ciccarelli – a perseguire reati di questa fattispecie per la presenza significativa sul territorio comunale di richiedenti asilo e migranti che rischiano facilmente di divenire vittime di sfruttamento lavorativo e umano. L'Amministrazione intende difendere l'immagine di Latina quale città ospitale ed inclusiva»