Serviranno tre mesi per bonificare l'intera via della Spadellata, all'estrema periferia di Anzio. È questo quanto si evince da una ordinanza firmata dal comandante della polizia locale di Anzio, Sergio Ierace, che ha interdetto al transito veicolare il tratto di strada compreso fra gli incroci con via delle Cinque Miglia e via Taglio delle Cinque Miglia.

In particolare, Ierace ha preso le mosse da una richiesta verbale arrivata da parte del vice sindaco e assessore alle Politiche ambientali e sanitarie, Danilo Fontana, il quale si sta impegnando fortemente per garantire decoro lungo una strada che, da anni, è divenuta una immensa discarica a cielo aperto, con forti problemi di inquinamento del suolo.

Di conseguenza, al fine di consentire una profonda bonifica dell'intera area ed evitare - almeno per ora - che il fenomeno dell'abbandono coatto di spazzatura - anche pericolosa - possa replicarsi, già dallo scorso 10 luglio è stata disposta la chiusura delle strada, che sarà protratta fino al prossimo 10 ottobre.

La speranza, ovviamente, è che questa profonda bonifica possa essere definitiva: sicuramente, considerata la situazione, verranno messe in atto delle azioni che possano scongiurare il ripetersi di un fenomeno davvero terribile, quello dell'abbandono dei rifiuti in modo massivo.
Già in passato, infatti, era stata evidenziata l'assurda situazione di via della Spadellata, dove i cittadini incivili hanno abbandonato di tutto, dalla spazzatura domestica fino ai resti di automobili e ai rifiuti speciali. E alcune volte, non sono mancati dei pericolosi roghi.