La "moschea" improvvisata in località Mole Abbadia, a Priverno, deve essere smantellata. È questo il sunto dell'ordinanza emessa dall'ufficio Tecnico di Priverno nei confronti del proprietario dell'immobile, al quale viene comandato di ripristinare lo stato dei luoghi entro dieci giorni dalla notifica del provvedimento pubblicato nel pomeriggio del 30 luglio. Erano mesi che i residenti segnalavano che qualcosa non funzionava in zona, visto che nei giorni e negli orari di culto vedevano decine e decine di immigrati di religione islamica convergere verso l'immobile dove si svolgevano delle funzioni religiose secondo il rito previsto. Il problema, però, non sta affatto nella fede professata, bensì nella destinazione stessa del luogo, che al catasto risulta registrato come rimessa e quindi completamente sprovvisto di titolo abilitativ.