Da Latina a Grottaferrata per mettere a segno un furto all'interno di una chiesa nel centro della cittadina dell'hinterland romano. Un giovane pontino di 23 anni è finito nei guai nella tarda serata di venerdì, arrestato dai carabinieri per furto aggravato.


L'operazione è stata portata a termine da una pattuglia del Nucleo operativo della Compagnia di Frascati. Sono stati proprio gli uomini del capitano Andrea Rapone a controllare il ladro nei pressi della chiesa della parrocchia Sacro Cuore di Gesù. Lo hanno notato mentre si allontanava frettolosamente dal luogo di culto, in via Santovetti, e hanno deciso di procedere a una verifica.


Il ragazzo aveva ancora con sé la refurtiva, ma anche lo strumento utilizzato probabilmente per mettere a segno il furto. Tra le mani aveva ancora la cassettina blindata adibita alla custodia delle offerte della chiesa e un calice sacro, materiale proveniente appunto dalla canonica appena trafugata. Una volta verificato che il furto era stato messo a segno proprio nella chiesa vicina, i carabinieri hanno proceduto con l'arresto del giovane sospettato, proprio in virtù del fatto che era in possesso della refurtiva e un arnese da scasso. Sulla base di questi elementi è stato trascinato dietro le sbarre delle camere di sicurezza della caserma in attesa del processo con rito direttissimo davanti al giudice monocratico.