"Ecco le prime immagini degli ‘scaricatori' di via Bergamo. C'è chi si fa beccare dalle guardie ambientali e chi scende a piedi per evitare di essere sorpreso. Ma sta di fatto che oggi a via Bergamo ci sono le telecamere per dar modo alla polizia locale e alle altre forze dell'ordine presenti sul territorio di reprimere questa condotta incivile e dannosa per l'intera cittadinanza di Ardea. Non è un'operazione per fare cassa, ma vorremmo prima di tutto educare chi ancora non ha capito che gettare i rifiuti lungo le strade è un danno che si fa alla comunità e a se stessi".

Sono queste le parole del sindaco di Ardea, Mario Savarese, che nei giorni scorsi ha voluto commentare quanto accaduto in via Bergamo, con l'impianto di videosorveglianza del piazzale, oggetto del programma di controllo inserito all'interno del progetto "Hera Luce", che è entrato in funzione a pieno regime.

"La peculiare bellezza del territorio va difesa a tutti i costi, ed è per questo motivo che è partita l'operazione per implementare la rete di videosorveglianza del Comune, anche con l'intento di utilizzare tale strumento in altri ambiti della sicurezza - ha aggiunto l'assessore alla Legalità, Domenico Vozza -. Auspichiamo ad una drastica riduzione di tali illeciti, avendo messo in campo azioni preventive e di contrasto, tali da rendere consapevolezza a chi ancora continua a comportarsi male, deturpando il territorio, che non si fa del male solo a se stessi, ma anche e soprattutto a chi ha tutto il sacrosanto diritto di vivere l'ambiente che lo circonda, nel presente e nel futuro".