Dovrà scontare un  anno e quattro mesi di reclusione. E' questa la sentenza emessa ieri dal giudice per l'udienza preliminare del Tribunale di Latina Pierpaolo Bortone nei confronti di un giovane di Sermoneta di 27 anni che aveva sfrecciato alla guida di una Bmw a  200 chilometri orari mentre percorreva via Epitaffio alle porte del capoluogo pontino attraversando l'incrocio quando il semaforo era rosso e non fermandosi all'alt della polizia che lo stava inseguendo. Nel corso del rocambolesco inseguimento,  gli agenti erano finiti fuori strada e avevano riportato delle ferite giudicate guaribili in venti giorni. I fatti contestati erano avvenuti lo scorso febbraio.  L'imputato, difeso dall'avvocato Giovanni Codastefano, doveva rispondere anche di tentate lesioni per aver cercato di investire gli agenti. Ieri in Tribunale da questa accusa è stato assolto, nel corso della sua requisitoria il pm Daria Monsurrò aveva chiesto la condanna a un anno e otto mesi, la difesa ha cercato di scardinare le accuse e alla fine il giudice ha condannato il giovane a un anno e quattro mesi di reclusione. Scontato che una volta che saranno depositate le motivazioni, tra novanta giorni, la difesa presenterà ricorso in Corte d'Appello