Cerimonia con imprevisto stamattina in piazza San Marco a Latina per il tradizionale omaggio floreale all'Immacolata. "Traditi" dal nuovo mezzo con braccio elevatore, i Vigili del Fuoco hanno avuto qualche difficotà nell'azionamento del meccanismo che porta in alto il cestello normalmente utilizzato per il pronto intervento. I tanti bambini e fedeli sono rimasti in attesa per qualche minuto prima di lasciare la piazza dove svetta l'obelisco con la statua di Maria Ausiliatrice, ma i pompieri non si sono persi d'animo e sono riusciti a superare i problemi iniziali deponendo la ghirlanda di fiori tra le braccia della statua, quando purtroppo però erano rimaste poche persone ad assistere.

Il tradizionale omaggio floreale alla Madonna per il Cerchio Mariano tanto caro alla tradizione salesiana, si è svolto dopo la Messa celebrata alle 11:30 nella Cattedrale San Marco dal parroco Don Andrea. Una tradizione che nasce l'8 dicembre 1841, festa dell'Immacolata appunto, dall'incontro di don Bosco con un giovane muratorino di 16 anni, Bartolomeo Garelli, fatto nella sacrestia della chiesa di S. Francesco a Torino. Il sagrestano, vedendo Bartolomeo in un angolo della sagrestia, dapprima lo invitò a servire Messa, poi, poiché il giovane si rifiutava di farlo, lo picchiò e cominciò a cacciarlo via in malo modo. Ma in sua difesa intervenne lo stesso don Bosco che doveva celebrare la Messa, dicendo che era suo amico e doveva lasciarlo in pace. Al termine della Santa Messa don Bosco raggiunse Bartolomeo, parlò un po' con lui per fargli un po' di catechismo, lo invitò a tornare a trovarlo magari portando con sé anche gli amici, ma prima di salutarlo pregò la Madonna con un'Ave Maria. Come ricordava spesso don Bosco: "L'inizio del nostro Oratorio, che fu benedetto dal Signore e crebbe come non avrei mai immaginato, è nato da una semplice Ave Maria detta con tanta devozione". Dopo la morte di don Bosco in tutte le case salesiane del mondo l'8 dicembre si fa il cosiddetto Cerchio Mariano per unire e rinnovare l'affidamento alla Madonna recitando una Ave Maria.
A Latina, da quando è stata eretta in piazza San Marco la colonna con l'immagine di Maria Ausiliatrice, viene fatto anche l'omaggio floreale alla Madonna deponendo tra le sue mani una ghirlanda di fiori che fino allo scorso anno è stata offerta dalla Signora Elda Pugliese. Quest'anno, per tener fede alla promessa fatta alla madre, è stata la figlia Isabella a continuare questa bella "tradizione di famiglia".