E' stato assolto in via dedinitiva il poliziotto di Latina Carlo Ninnolino, coinvolto nell'inchiesta Don't Touch. Era stato condannato in primo grado a tre anni e sei mesi di reclusione, era stato assolto  dai giudici della Corte d'Appello  nel settembre del 2017 e i magistrati in quell'occasione  avevano ribaltato il verdetto per non aver commesso il fatto. Adesso arriva l'assoluzione dalla Suprema Corte e i giudici hanno dichiarato inammissibile il ricorso.  L'agente di polizia che prestava servizio per molti anni alla Squadra Mobile, secondo l'accusa aveva fornito delle informazioni riservate sullo stato dell'inchiesta che era in corso e dove era stata contestata l'associazione per delinquere capeggiata da Costantino Cha Cha di Silvio, ad alcuni indagati ed era stato arrestato il 12 ottobre del 2015 in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare per rivelazione di segreto d'ufficio.  Ha scontato 5 mesi di carcere, 6 mesi li ha trascorsi agli arresti domiciliari e per 12 mesi è stato sottoposto all'obbligo di firma, è stato sospeso dal servizio per 27 mesi e poi è stato trasferito a Roma. L'investigatore era difeso nel processo dagli avvocati Silvia Siciliano e Giovanni Russo. «E' stato un calvario - ha detto l'agente di polizia accanto all'avvocato Silvia Siciliano nel corso di un incontro con la stampa nello studio del suo legale - sia dal punto di vista umano e anche di immagine per me che ho dato tanto all'amministrazione. E' la cosa più brutta che possa accadere . Mi sono stati tolti tre anni di vita, io  ho fatto sempre il mio lavoro e ho sempre dato il meglio - aggiunge - non ho problemi con nessuno e ora  rivoglio indietro la mia dignità e se è possibile tornare a lavorare alla Questura di Latina. Voglio ringraziare i miei avvocati che mi sono stati vicini professionalmente e umanamente. La mia famiglia che mi ha supportato e il mio collega che mi è stato sempre accanto e ha rappresentato un sostegno morale davvero importante. Non lo so nemmeno io perchè è successo questo, forse qualcuno me lo dirà. Cammino a testa alta>.