Una bomba ecologica a due passi dalle case e nel pieno della campagna che precede il litorale romano.

È questo quanto riscontrato ad Ardea, a poca distanza dal centro urbano, nella zona attraversata dal canale delle Acque Basse e territorialmente vicina all'area delle Salzare.

Gran parte del tragitto del fosso che poi, in qualche modo, arriva al mare, è infatti invasa da rifiuti di ogni genere.

Si va dalla semplice spazzatura indifferenziata, fino a materiale di risulta dei cantieri, ma anche a rifiuti ingombranti, a elettrodomestici rotti, trolley da viaggio pieni di chissà cosa, plastica, oggetti per il mare e chi più ne ha, più ne metta.

Mistero, chiaramente, su chi abbia compiuto uno scempio simile, che chiaramente sta mettendo a rischio l'intero ecosistema, ma anche la vicina area dove, da sempre, transitano gli aironi.

A denunciare il tutto, dopo un sopralluogo effettuato con alcuni giornalisti del territorio, è l'associazione "Save the Sea Roma": «Siamo scesi a controllare personalmente lo stato della situazione - scrivono sulla loro pagina Facebook -. In via delle Acque Basse, una traversa posta su via delle Salzare, nel canale ci sono rifiuti di ogni tipo e genere: una situazione che è di difficile comprensione. Richiediamo l'intervento immediato per la rimozione di tutti i rifiuti presenti e delle serie misure di prevenzione per evitare che si possano ripetere tali scempi. Una condotta criminale di questa portata, se non contrastata in maniera drastica sarà si difficile risoluzione. Comprendiamo le difficoltà gestionali, burocratiche e amministrative, oltre che onerose - concludono gli attivisti -, ma se non vengono presi provvedimenti, vorrà dire che tale situazione è accettata e tollerata».

Purtroppo, non è la prima volta che in questa zona vengono segnalate problematiche simili. Negli ultimi due anni, il precedente direttore dell'esecuzione del contratto dell'igiene urbana aveva provveduto a far rimuovere la spazzatura che era stata tolta dal fosso dagli operatori del Consorzio di Bonifica di Pratica di Mare.

Ora, però, la situazione è tornata come prima.