Eduardo Di Caprio, accusato di omicidio volontario per la morte di Cristiano Campanale, ieri mattina è stato interrogato dal Gip del tribunale di Cassino, Gabriele Montefusco. L'indagato ha risposto alle domande del giudice affermando che si è trattato di un incidente, in quanto aveva perso il controllo dell'auto, e che, quindi, non c'era alcuna premeditazione e volontà di uccidere. Intanto, ieri la salma di Campanale è stata trasferita dall'obitorio di Cassino alla Cattedrale di San Pietro Apostolo di Minturno, dove è stata allestita la camera ardente visitata da centinaia di persone. Oggi pomeriggio alle 15 si svolgeranno i funerali. I commercianti hanno deciso di chiudere le loro attività per lutto.