Tempi duri per gli specialisti del "lancio" del sacchetto di rifiuti. In seguito alle immagini delle fototrappole, degli impianti di videosorveglianza e agli appostamenti degli agenti, la Polizia Locale di Minturno ha individuato due persone, alle quali la raccolta differenziata non va proprio giù. Per i due cittadini è scattata la sanzione e per uno anche l'obbligo di riportare allo stato originale il luogo prescelto dove gettare i rifiuti. Il primo blitz degli uomini coordinati dal comandante Antonio Di Nardo è stato compiuto in via Olmello, dove puntualmente su un angolo della strada veniva trovato un sacchetto di rifiuti. Poi doveva essere la ditta che si occupa della raccolta a dover rimuovere il sacchetto quasi quotidianamente. Sono iniziati gli appostamenti, la raccolta di qualche testimonianza e con l'aiuto delle fototrappole, è stata individuata la lanciatrice del sacchetto, la quale utilizzava anche un metodo particolare. Si tratta di una sessantottenne abitante proprio in via Olmello, la quale è stata pizzicata mentre lasciava la busta con i rifiuti. Immediatamente è stata fermata e sanzionata. La signora, per evitare di essere notata, sistemava i rifiuti in uno zainetto e dopo aver percorso alcuni metri, si guardava intorno ed abbandonava la busta con tutto il contenuto. La scena è stata notata dagli agenti municipali, i quali si sono appostati ed hanno fermato la donna, immortalata anche dalle immagini in possesso degli stessi vigili urbani. Tra le altre cose la donna pagava regolarmente anche la tassa dei rifiuti ed era quindi regolarmente censita. Probabilmente non aveva voglia di fare la differenziata. L'altro intervento è stato effettuato a Tremensuoli, dove nelle maglie dei controlli è finito un cinquantaduenne. Quest'ultimo, in un'area di sua proprietà, aveva deciso di gettarci dei rifiuti, che invece avrebbe dovuto smaltire con la differenziata. Cosicchè la Polizia Locale è intervenuta ed ha sanzionato l'uomo, che è stato obbligato a ripristinare lo stato dei luoghi, con la bonifica dell'area. I controlli continueranno anche nei prossimi giorni; infatti sono state risistemate le fototrappole in altre zone del territorio, dove si verificano abbandoni di rifiuti.