Non si placa l'emergenza roghi all'interno del campo nomadi di Castel Romano, al confine fra Roma e Pomezia. Oggi (4 febbraio 2019), i vigili del fuoco del Distaccamento pometino sono stati costretti a intervenire due volte nei pressi del campo rom di via Pontina, in quanto erano stati appiccati un paio di roghi a distanza di poco tempo l'uno dall'altro.

A bruciare è stato di tutto: dai rifiuti al materiale plastico, fino a un modulo abitativo disabitato.

Anche il presidente di Ecoitaliasolidale, Piergiorgio Benvenuti, ha commentato l'accaduto: «Il primo incendio ha interessato un container, il secondo ha visto andare a fuoco cumuli di spazzatura di ogni tipologia, compresa plastica e pneumatici. Il fumo nero e tossico ha interessato oltre la Via Pontina anche Pomezia. Da tempo chiediamo che venga trasferito il campo nomadi di Castel Romano, adiacente a Pomezia, presente all'interno della Riserva di Decima Malafede e installato, lo vogliamo ricordare, temporaneamente dal Comune di Roma per soli tre mesi nell'agosto del 2006 e che invece è rimasto a creare notevoli problemi di sicurezza nell'area».