Nuova udienza questa mattina in Corte d'Assise a Latina del processo per la morte di Gloria Pompili. Il quadro investigativo emerso in aula fino a questo momento ha confermato fino a questo momento quello che era venuto alla luce subito dopo i fatti e la scoperta del corpo.  Gloria Pompili era stata trovata morta sulla strada regionale dei  Monti Lepini, in una piazzola di sosta a Prossedi, il 23 agosto del 2017. L'auto su cui viaggiava insieme ai due imputati è stata il teatro della sua morte: prima le botte davanti ai figli piccoli, poi il cuore della donna non ha retto più ed è deceduta. Erano stati i carabinieri del Nucleo Investigativo a ricostruire i fatti e tutto il tragitto della Bmw che da Nettuno, dove gli imputati gestivano un negozio di frutta e verdura, tornava verso Frosinone. All'altezza di Prossedi, Gloria è stata picchiata e quando i due imputati hanno capito che era morta hanno cercato anche di cancellare le prove. Oggi si andrà avanti con le deposizioni degli altri testimoni che riferiranno in particolare del rapporto della donna con gli imputati che devono rispondere dell'accusa di omicidio volontario aggravato.