l giudice per l'udienza preliminare del Tribunale di Latina Mario La Rosa, ha disposto il giudizio nei confronti di cinque imputati per una lottizzazione abusiva a Sonnino.  Il processo inizierà il prossimo 6 giugno. Ma non sono stati rinviati a giudizio per entrambi i capi di imputazione contestati. Scontato che in aula tra accusa e il collegio difensivo composto dagli avvocati Bianchi, Di Micco Basile, sarà una vera e propria battaglia.  I fatti contestati sono avvenuti a Sonnino partire dal 2016 ed erano stati contestati dal magistrato inquirente Giuseppe Miliano che aveva aperto un'inchiesta ipotizzando una lottizzazione abusiva a Sonnino. In cinque - al termine degli accertamenti - erano accusati di aver realizzato infatti una lottizzazione mediante la edificazione progressiva di una struttura adibita a ristorante che non era in regola. E poi la Procura aveva contestato anche la falsità ideologica un reato per cui nei confronti dei cinque imputati il giudice ha disposto il non luogo a procedere tranne che per un imputato mentre per la lottizzazione ha disposto il processo.  Secondo quanto stabilito in sede di indagini preliminari, l'intervento urbanistico non era conforme a quanto previsto. E sotto la lente di ingrandimento degli investigatori sono finite le concessioni edilizie e anche i permessi a costruire.