Comparirà davanti al Tribunale di Velletri, per l'ipotesi di reato di omicidio colposo, il proprietario della villetta di Marechiaro, ad Anzio, dove il 19 agosto 2017 morì schiacciato dal cancello il piccolo Angelo Quirino.

Nelle scorse ore, infatti, il gup ha deciso di rinviare a giudizio il 44enne di Anzio, che dovrà dunque difendersi dalle accuse della Procura, definite dopo la conclusione delle indagini da parte dei carabinieri della Compagnia di Anzio, che evidenziarono la mancanza di dispositivi di sicurezza antiribaltamento sul cancello scorrevole che cadde addosso al bambino mentre il fratello maggiore lo stava aprendo.

Il processo, dunque, inizierà il prossimo 17 aprile 2019; la mamma di Angelo, attraverso il proprio avvocato, si è costituita parte civile.