Arrivano risvolti rispetto all'incidente di ieri pomeriggio, 16 febbraio 2019, avvenuto a Pomezia dopo un lungo inseguimento di un'auto da parte dei carabinieri.

In particolare, il giovane che era fuggito all'alt imposto dai militari della Compagnia di Pomezia a Santa Palomba - un 31enne residente in quella zona, nel territorio di Roma - è stato arrestato per le ipotesi di reato di resistenza a pubblico ufficiale e di danneggiamento, con tanto di traduzione nel carcere di Velletri, dove si trova detenuto in attesa di convalida dell'arresto stesso.

In particolare, l'uomo aveva intrapreso una fuga lunga sei chilometri, attraverso via Ardeatina, via di Valle Caia e via Laurentina: infine, prima di ribaltarsi con la propria Smart, aveva urtato un'altra auto in transito nell'opposto senso di marcia e un palo.

Nessuno, lui compreso, è rimasto ferito. Di conseguenza, dopo le formalità di rito e la segnalazione alla Prefettura di Roma, è scattato l'arresto.

Si è concluso con un incidente stradale un inseguimento andato in scena oggi pomeriggio (16 febbraio 2019) a Pomezia.

In particolare, un uomo che era alla guida di una Smart ha ignorato l'alt imposto dai carabinieri nella zona di Santa Palomba e, premendo sull'acceleratore, ha intrapreso una rocambolesca fuga attraverso via Ardeatina, via di Valle Caia e via Laurentina.

Nel tentare di seminare i militari della Compagnia diretta dal capitano Luca Ciravegna, però, l'uomo ha perso il controllo della Smart ed è finito contro un palo, prima di ribaltarsi.

I carabinieri, chiaramente, lo hanno fermato e, adesso, sono in corso accertamenti a suo carico.

Sul posto, per mettere in sicurezza il veicolo, sono intervenuti i vigili del fuoco del Distaccamento di Pomezia.

di: Francesco Marzoli