Una brutta storia familiare che a lungo si è consumata in silenzio, tra quattro mura. Per mesi ha lasciato la madre chiusa in casa, praticamente abbandonata a se stessa nonostante la donna fosse affetta da una forma grave di demenza senile. Per questo motivo il giudice dell'udienza preliminare, Giorgia Castriota, ha rinviato a giudizio Claudio L.P. un trentacinquenne di Cisterna che il 30 marzo del 2016 era stato praticamente sorpreso in flagranza: aveva lasciato l'anziana madre in casa, chiudendo la porta a chiave perché non potesse uscire. Di qui l'accusa di abbandono di persona incapace. Il processo a suo carico inizierà il prossimo due maggio.