Un «pericolo per la pubblica incolumità», dovuto «allo stato di conservazione dell'immobile e a problematiche che investono circoscritte porzioni dell'edificio, anche riguardanti elementi strutturali».

Sono questi, sostanzialmente, i motivi che hanno portato il sindaco di Anzio, Candido De Angelis, a ordinare la chiusura del Paradiso sul Mare, lo storico edificio in stile liberty della Riviera Zanardelli, che ancora ospitava delle classi dell'Istituto Alberghiero, i cui studenti ora dovranno frequentare le lezioni in un'altra sede.

In particolare, stando ai sopralluoghi effettuati venerdì dal personale dell'Ufficio tecnico e dalla polizia locale, è emersa «la sussistenza di pericolo grave e imminente di crollo di porzioni dell'edificio fatiscente e pericolante, compromettente anche l'utilizzo della scala a uso pubblico adiacente all'immobile».