Era diventato l'incubo dei vicini di casa, al punto da procurargli uno stato d'ansia e di agitazione molto forte. Si è concluso davanti al giudice monocratico del Tribunale di Latina, il processo nei confronti dell'uomo di 47 anni che aveva stalkerizzato il vicino di casa.
La pena è di dieci mesi per le condotte da parte dell'uomo, considerate molto violente. L'episodio più grave era avvenuto nell'estate del 2016, in via Helsinki, a Latina quando al vicino di casa, S.F., queste le sue iniziali gli aveva fratturato il naso e il 47enne gli aveva spaccato una statuetta di ceramica sul naso. Era stato il pubblico ministero Simona Gentile a chiedere gli arresti domiciliari per l'uomo che nel frattempo è tornato in libertà. La vicenda che si era consumata in via Helsinki aveva suscitato molto clamore attirando infatti anche l'attenzione dei vicini di casa e il motivo dell'aggressione da parte del 47enne nei confronti dell'anziano sarebbe riconducibile a dei rumori ma la vittima del procedimento in realtà ha sempre assicurato che invece non è così.