Una insegnante di Latina è stata sospesa dall'attività su provvedimento della Procura della Repubblica con l'accusa, gravissima, di maltrattamenti si minori. Si tratta di una maestra di una scuola materna del capoluogo. L'attivita' d'indagine, condotta dai militari della stazione carabinieri di Latina, trae origine dalla denuncia sporta, nei primi giorni del marzo 2019, dai genitori di una delle bambine iscritte presso la scuola materna ove prestava servizio l'insegnate. Il sospetto che la bambina potesse essere vittima di maltrattamenti, derivava dai comportanti tenuti dalla stessa con i genitori. La bambina a fronte di banali rimproveri manifestava terrore mettendosi le mani di fronte agli occhi in segno di protezione, aveva difficolta' a prendere sonno, carenza di appetito e spesso mimava il gesto degli schiaffi sulle mani come ricevuti dalla propria educatrice.

I carabinieri dopo aver identificato l'insegnante, hanno avviato una serie di intercettazioni audio-video  all'interno dell'aula della scuola materna. Ciò consentiva di evidenziare una costante vessazione dei piccoli componenti di quella classe, che si manifestava in comportamenti ed atteggiamenti aggressivi, sia dal punto di vista psichico che fisico, in danno di almeno 8 bambini la cui eta' oscilla tra i 3 e i 4 anni. Oltre alle minacce, gli insulti, le umiliazioni e la prospettazione di infliggere percosse ai bambini, l'attivita' tecnica consentiva anche di registrare quelle effettivamente inferte ad alcuni di essi.

Per questo nella mattinata odierna, i militari della stazione carabinieri di Latina, hanno eseguito un'ordinanza che dispone la sospensione dall'esercizio del pubblico ufficio, per mesi 12, emessa dal tribunale di latina – ufficio del giudice per le indagini preliminari – dott. giuseppe cario, nei confronti di un'insegnante in quanto ritenuti sussistenti gravi indizi di reato in ordine all'ipotesi di maltrattamenti (art.572 c.p.) nei confronti di minorenni affidati per ragione di educazione, istruzione e cura.