Ha rischiato grosso l'ignoto attentatore che stanotte ha appiccato le fiamme nell'autolavaggio di via Cavata, l'attività gestita da giovani egiziani che già nel settembre del 2017 era stata danneggiata da un incendio divampato in circostanze misteriose. Questa volta infatti non ci sono dubbi sulla natura del rogo: un residente ha visto uno sconosciuto avvolto dalle fiamme scappare dal negozio appena incendiato, poi i filmati della videosorveglianza hanno confermato che si trattava della stessa persona che ha cosparso il liquido infiammabile e innescato l'incendio, venendo investito lui stesso dalla fiammata. Con i vigili del fuoco, che hanno avuto ragione del rogo in pochi minuti, sono intervenuti anche i soccorritori del 118 perché inizialmente non era ben chiaro cosa fosse successo. I poliziotti della Squadra Volante hanno quindi accertato che si era trattato di un attentato incendiario e avviato le prime ricerche del fuggitivo: nel corso della notte è scattata una vera e propria caccia all'uomo, con le forze dell'ordine che hanno passato al setaccio gli ospedale del circondario.