Crede all'ipotesi del furto, il sindaco Antonio Terra, così come riportato nella denuncia depositata dal Comune nelle scorse ore che ipotizza la sottrazione illecita da parte di ignoti delle tracce per le prove scritte utili a selezionare due figure tecniche da inserire nell'organico. Resta un mistero però come e quando ciò sia potuto accadere.
«Non so dire dove fossero custodite le tracce trafugate prima dell'esame, né se la prassi sia conservarle nei cassetti degli uffici, nei pc in uso all'ente o in quello personale di chi è chiamato a elaborare i test» aggiunge il primo cittadino raggiunto al telefono.
Quel che è certo è che, pur fisicamente distante dal Comune di Aprilia, nelle scorse ore il sindaco ha seguito passo dopo passo la bufera che ha travolto con il concorso l'immagine dell'ente che rappresenta e rischia di minare il rapporto di fiducia tra cittadini e istituzioni. Per questo invoca una presa di posizione forte e detta la linea di annullare il concorso e ricominciare tutto daccapo.