La polizia  nell'ambito dei servizi antidroga pianificati dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza e mirati a contrastare in particolare le reti criminali dedite allo spaccio sul territorio di sostanze stupefacenti a singoli assuntori, ha svolto mirati servizi, individuando un canale di distribuzione per il rifornimento dei territori ricompresi tra le confinanti periferie di Aprilia e Cisterna.
Veniva da tempo individuato quale referente per la distribuzione C. M., nato a Velletri nel 1993 residente ad Aprilia, di recente anche fermato ma sempre in grado di non far reperire, nonostante i fondati sospetti, alcuna traccia di sostanze stupefacenti a lui riferibili .
Gli investigatori del Commissariato di Cisterna, dopo un mirato servizio di pedinamento, sono intervenuti anche con una unità cinofila specializzata del centro di Nettuno, (il pastore tedesco di nome "Enduro" che, dopo aver fiutato tracce su uno zaino trovato nell'auto del soggetto pedinato, contribuiva a far scovare in vari nascondigli dell'abitazione del predetto 30 grammi di hascisc, 30 grammi di marjuana, nonché mazzi di banconote impregnate dell'odore di sostanza stupefacente per un ammontare di circa 50.000 euro. Successivamente Enduro puntava con decisione il corpo del soggetto perquisito, annusandolo soprattutto al basso ventre.
Il soggetto, vistosi perduto, con mossa fulminea estraeva dalle parti intime un ovulo sigillato e repentinamente lo inghiottiva. L'atto non sfuggiva agli operanti che, fatto ricoverare il soggetto autore dell'improvvido quanto pericoloso gesto presso l'ospedale di Aprilia, riuscivano, a distanza di ore, nell'operazione di recupero di altra sostanza del tipo cocaina, con dieci ovuli sigillati e pronti per lo spaccio.
Pertanto il C.M., dall'ospedale, veniva tratto in arresto e tradotto direttamente presso il carcere di Latina.