Sono stati rinviati tutti a giudizio e il processo inizierà il prossimo 12 febbraio davanti al primo collegio del Tribunale di Latina. E' quello che ha deciso ieri il giudice per l'udienza preliminare Giorgia Castriota nei confronti di alcuni imputati, tra cui avvocati e sindacalisti coinvolti in una inchiesta che da Bolzano era arrivata a Latina per una truffa contestata dopo la denuncia presentata dal direttore dell'Inps di Bolzano. Secondo l'accusa era stata costituita una associazione tra avvocati e anche sindacalisti che erano stati indagati a piede libero, un meccanismo per ottenere dei benefici previdenziali ai danni dell'Inps connessi alle attività lavorative aventi ad oggetto l'esposizione all'amianto e la Procura ha contestato la falsificazione alcune istanze dell'Inail di molti lavoratori tra Belluno, Latina, Frosinone, Salerno, Reggio Emilia, e poi Bolzano da dove poi è partita l'inchiesta, in realtà mai presentate o rilasciate dall'Istituto oppure presentate in date diverse o presso sedi diverse da quelle risultanti dai timbri di ricezione o redatte - avevano sottolineato gli inquirenti - su modelli non corrispondenti a quelli istituzionali.