Dapprima una lite con la compagna scoppiata per futili motivi e culminata in un'aggressione con calci e pugni alla donna, che è anche in dolce attesa. Quindi, dopo l'intervento dei carabinieri, insulti anche nei loro confronti. A finire nei guai un uomo di 31 anni residente nella Piana: è stato arrestato.  Alla base, come ricostruito dai carabinieri, un litigio banale. Il trentunenne, che a quanto pare maltrattava la donna da tempo, dà in escandescenza e comincia a minacciare e a colpire con calci e pugni la 36enne. Quando le pattuglie arrivano presso l'abitazione dei due, l'uomo oppone energica resistenza ai carabinieri intervenuti per contenere le sue escandescenze.  La donna intanto, essendo anche in dolce attesa, viene accompagnata in ospedale per tutti gli accertamenti di rito. Il personale medico-sanitario, dopo averla sottoposta a una visita completa, le ha diagnosticato lesioni giudicate guaribili in 15 giorni salvo complicazioni.