Si svolgerà questa mattina in Tribunale a Latina l'udienza preliminare nei confronti dell'uomo di 46 anni residente a Latina, accusato di maltrattamenti in famiglia e poi anche di violenza e lesioni a pubblico ufficiale. L'imputato, difeso dagli avvocati Sandro Marcheselli e Antonio Fratini, rischia il rinvio a giudizio. Inoltre la Procura ha contestato anche un altro episodio: il danneggiamento dell'auto degli agenti della Squadra Volante su cui l'imputato era stato caricato quando era stato fermato.
In base a quanto ricostruito dagli investigatori, l'uomo in preda ad un raptus di follia ha minacciato la compagna con parole molto pesanti che hanno fatto ipotizzare al peggio. «Se vi avvicinate vi ammazzo», aveva detto alla polizia che per bloccare l'uomo aveva utilizzato anche dello spray urticante. Nei confronti dell'imputato,  era stata emessa alla fine una ordinanza di custodia cautelare dal giudice Pierpaolo Bortone. Oggi in Tribunale l'imputato rischia il rinvio a giudizio e in tarda mattinata si conoscerà al termine della camera di consiglio quello che ha deciso il giudice