I giudici della Cassazione hanno confermato la condanna a cinque anni di reclusione inflitta dalla Corte d'Appello di Roma a un 24enne albanese che il 5 luglio 2017, sulla spiaggia affollata di Torvajanica, sferrò una coltellata sul torace sinistro di un suo connazionale di cinque anni più grande.

In particolare, i supremi giudici hanno respinto tutti i motivi di ricorso promossi dall'avvocato difensore dell'imputato, ritenendo fondate le motivazioni poste alla base della sentenza di condanna pronunciata in Appello, con la quale era stata ridotta di un anno la pena inflitta in primo grado dal gup del Tribunale di Velletri con rito abbreviato.

All'epoca dei fatti, nel bel mezzo di una lite, il 24nne accoltellò il rivale all'emitorace sinistro, cagionandogli una ferita che, senza il tempestivo intervento dei sanitari, avrebbe potuto ucciderlo. L'arma del delitto...