Sgomento e commozione nel sud pontino per la morte improvvisa di Mario Valerio, ventunenne bagnino a Gaeta, trovato morto ieri mattina dalla madre nel letto della sua casa di Formia. Una notizia che ieri mattina ha sconvolto i suoi amici di Gaeta e di Formia, ma anche di Minturno, dove era conosciuto. Sconosciute le cause del decesso, probabilmente dovute ad un malore. E' stato ipotizzato che il ragazzo avesse qualche noia cardiaca, ma non è stata accertata la reale causa dell'improvviso decesso, tanto che il magistrato del Tribunale di Cassino, una volta informato dagli agenti del Commissariato di Polizia di Formia, ha disposto la perizia autoptica. La salma del giovane è stata recuperata dall'agenzia funebre La Comune di Formia, nell'appartamento di via Farano, dove abita la famiglia del giovane. Il corpo è stato trasferito presso l'obitorio dell'ospedale santa Scolastica per gli accertamenti del caso. Il ventunenne si era ritirato l'altra sera a casa e si era addormentato nel suo letto, ma la mattina non si è svegliato. La madre ha cercato di svegliarlo, ma il ragazzo ormai era deceduto. Una scomparsa improvvisa che ha gettato nello sconforto tutti coloro che lo conoscevano e che avevano apprezzato la sua bontà e disponibilità. Grande commozione a Serapo, dove gli operatori hanno esposto un drappo in segno di lutto, e in particolare al lido Aurora, dove Mario lavorava. Tutti gli eventi in programma da ieri sera sino al 25 agosto presso la Terrazza Aurora sono stati annullati. Tanti i messaggi di affetto alla famiglia, molto stimata a Formia, e tanti messaggi sui social. Ieri mattina a Gaeta è stata subito notato l'assenza di quel bel ragazzo, ben voluto da tutti per la sua disponibilità. Nessuno pensava che quel giovane aitante e dal fisico possente (in passato con esperienze a livello pugilistico) si era spento nella notte durante il sonno. Una morte incredibile che ha spezzato il cuore di tante persone. E' probabile che i funerali avranno luogo ad inizio settimana prossima dopo la perizia autoptica che il magistrato competente ha voluto fare per avere la certezza sulle cause della morte. Intanto il Siulp Latina si unisce al dolore del loro collega Giuseppe, neo comandante del posto Polfer di Formia, e della sua famiglia per la perdita del figlio.