Prosegue l'attività di controllo da parte del personale della Polfer sui treni del Lazio e che transitano in provincia di Latina e in particolare sulla linea ferroviaria Roma-Napoli via Formia.  Il bilancio finale è di 4 arresti e di oltre 3500 persone identificate e poi sono state denunciate a piede libero 22 persone e infine sono state impiegate 90 pattuglie a bordo treno per un totale di 203 convogli che sono stati scortati. E' questo il bilancio di una attività portata in campo dal personale della polizia ferroviaria del compartimento per il Lazio. Lo scorso agosto, gli investigatori della polizia giudiziaria hanno fermato uno straniero considerato responsabile di quattro furti avvenuti alla stazione Termini. In questo caso lo straniero è stato rintracciato in una struttura ricettiva a poca distanza dallo scalo ferroviario.  L'attività di controllo del personale della Polfer andrà avanti anche nei prossimi giorni per la prevenzione dei reati. Lo scorso 20 agosto, un bengalese, è stato arrestato da una pattuglia della Polfer per aver aggredito una donna colpita con un pugno. C'è da sottolineare che le indagini condotte dal personale della polizia giudiziaria della Polfer hanno permesso di risalire ad una banda di stranieri specializzata nei furti negli esercizi commerciali in provincia di Latina, le indagini sono scattate (anche se agli indagati questi episodi non vengono formalmente contestati) a seguito di una serie di furti a ripetizione che sono stati messi a segno in particolare alle biglietterie automatiche delle stazioni ferroviarie, tra cui alcune proprio sulla linea Roma- Napoli, tra le stazioni di Latina e quelle anche di Priverno.  Proprio da quell'episodio infatti erano scattate le indagini che avevano permesso di risalire ad una banda di stranieri e in particolare di origine romena. Proprio per questa indagine che era stata portata a termine dallo staff della polizia giudiziaria della Polfer, il 25 settembre è previsto un incidente probatorio davanti al giudice per le indagini preliminari Giorgia Castriota.