«Nessuna discarica sarà realizzata a Velletri». Esordisce così, nel suo intervento, il sindaco di Velletri, Orlando Pocci, parlando della nuova istanza presentata da una società privata per realizzare una discarica nella vecchia cava di Lazzaria, all'estrema periferia della città e non lontano dai confini con Aprilia, Cisterna di Latina e Lanuvio, oltre che nei pressi delle falde e delle sorgenti di Carano, che alimentano gli acquedotti di Aprilia, Anzio, Nettuno e Latina.

«La posizione dell'amministrazione comunale di Velletri è nota da tempo, eravamo e siamo contrari al progetto, lo abbiamo contrastato la prima volta ottenendo il diniego della procedura autorizzativa da parte della Regione. Faremo altrettanto e con maggiore convinzione anche questa volta - aggiunge il sindaco -, gli uffici sono già al lavoro per presentare le osservazioni e per chiedere un nuovo diniego».

Non è tutto: «Siamo contrari nel merito e nel metodo, non è questa la soluzione per completare il ciclo dei rifiuti, non servono mega impianti, ma buone pratiche come quelle che mettiamo in campo a Velletri con una raccolta differenziata virtuosa. Il nostro territorio - conclude Pocci - non diventerà la pattumiera di chi non sta rispettando le regole».