La violenta bufera che ieri si è abbattuta nella zona del litorale di Latina, si è lasciata dietro una lunga scia di danni. Sul lungomare il forte vento ha piegato alberi e segnaletica stradale, danneggiando molte strutture private, compresi gli stabilimenti balneari che i gestori avevano deciso di lasciare in piedi nel periodo autunnale, già gravemente colpiti dalle ultime mareggiate. Ma è nella zona di via Massaro, la strada parallela al lungomare vicino Borgo Sabotino, che si sono registrati i danni maggiori: la stessa arteria stradale è rimasta bloccata a lungo per il crollo di numerosi alberi, alcuni dei quali hanno anche danneggiato le opere murarie di alcune abitazioni. Diversi i tetti scoperchiati poi dal forte vento. Una mole di interventi che hanno messo a dura prova la macchina dei soccorsi, con i Vigili del Fuoco e i volontari della Protezione Civile impegnati per fronteggiare le richieste di aiuto ancora oggi. Senza dimenticare, oltretutto, che il maltempo ha provocato danni anche in altre zone della provincia, come l'allagamento della Pontina a Borgo San Donato e la caduta dei pini sull'Appia vicino Pontinia che ovviamente hanno richiesto l'intervento delle squadre dei Vigili del Fuoco anche da Latina e l'ausilio delle forze di polizia per la gestione della viabilità.