A distanza di quattro anni dalla chiusura dell'inchiesta e dopo che il fascicolo è rimbalzato tra Latina, Civitavecchia, Roma e infine nuovamente in piazza Bruno Buozzi, sono stati tutti rinviati a giudizio per traffico internazionale di sostanze stupefacenti.  E' quello che ha deciso ieri il giudice per l'udienza preliminare Mario La Rosa che ha accolto la ricostruzione offerta dal pm Valentina Giammaria. Saranno tutte processate il prossimo 24 giugno del 2020 davanti al primo collegio del Tribunale di Latina le sette persone che erano finite al centro di una inchiesta condotta dai carabinieri del Comando Provinciale di Latina e del Reparto Territoriale di Aprilia. Gli imputati sono residenti tra Cisterna, Sezze, Anzio, Velletri e altri centri della provincia di Latina. Era stato il pm Giuseppe Miliano a chiedere l'emissione delle ordinanze di custodia cautelare firmate dal gip Guido Marcelli. Gli investigatori infatti erano riusciti a ricostruire una serie di viaggi in Sud America. Nell'inchiesta era scattato un arresto nel maggio del 2015 all'aeroporto di Barcellona con un recupero di droga e poi era stato registrato un altro arresto poche settimane dopo a Bogotà.Il via al processo a giugno del 2020.