"Il quadro che sta emergendo nel corso del processo Alba Pontina contro il clan Di Silvio è inquietante. Uno spaccato criminale che ha già avuto una prima conferma nella sentenza del giudice Annalisa Marzano del tribunale di Roma. Il clan Di Silvio a Latina, in questi anni, ha dialogato con "parti" importanti della politica e del calcio locale. Chiederò, nel prossimo ufficio di presidenza della commissione antimafia,di aprire una indagine sul caso Latina ascoltando anche i candidati sindaci delle precedenti elezioni amministrative. La commissione antimafia acquisirà anche il resoconto dell'udienza del processo Alba Pontina di martedì scorso nel quale è stato ascoltato il collaboratore di giustizia Renato Pugliese". Così Nicola Morra, presidente della commissione Antimafia che dunque vuole portare all'attenzione della commissione Antimafia il "caso Latina". La molla che ha fatto scattare Morra è stata a quanto pare la recente audizione durante il processo Alba Pontina del pentito Renato Pugliese, il quale ha affermato  che i clan si erano presi la politica, con espresso riferimento al fatto che gestivano integralmente l'attacchinaggio dei manifesti.