L'adesione come era prevedibile è stata molto alta. Ieri mattina, un'altissima percentuale di processi senza detenuti sono stati rinviati perché gli avvocati penalisti del Foro di Latina, hanno incrociato le braccia. Sono stati garantiti i procedimenti con detenuti o con persone sottoposte a misure cautelari ma poi per il resto, tutte le altre cause, a partire dall'udienza monocratica, sono state rinviate. La percentuale di adesione sfiora il 100% e mai come questa volta probabilmente il tema è profondamente sentito dal mondo dell'avvocatura: la prescrizione. La Camera Penale ha annunciato nei giorni scorsi un'astensione che durerà fino al prossimo 6 dicembre ma la novità - proprio per portare all'attenzione dei media nazionali il nocciolo della questione - è rappresentata dalla lunga maratona oratoria. In piazza Cavour a Roma, davanti alla Corte di Cassazione, parleranno per molti giorni di fila centinaia e centinaia di avvocati penalisti provenienti da tutta Italia. Anche la provincia pontina sarà rappresentata a partire dal presidente della Camera Penale di Latina Domenico Oropallo, dal segretario Maurizio Forte, ad altri avvocati che si alterneranno al microfono e che hanno avvertito la necessità di astenersi. L'obiettivo infatti - come ha sostenuto la Camera Penale - è quello di raccontare all'opinione pubblica la verità sulle cause della durata irragionevole dei processi e anche su come diventeremo tutti ostaggi a vita dello Stato con l'abolizione della prescrizione».