«Il provvedimento appare illegittimo sia per il difetto dei presupposti di contingibilità e urgenza, sia per l'irragionevolezza del termine sia per l'utilizzo di uno strumento autoritativo esorbitante die limiti della discrezionalità amministrativa».
Con queste considerazioni, il responsabile dell'Avvocatura della Città Metropolitana di Roma Capitale ha autorizzato l'ente stesso a impugnare l'ordinanza con cui il sindaco di Anzio, Candido De Angelis, aveva diffidato la ex Provincia a eseguire «tutti gli interventi di ordinaria e straordinaria manutenzione, finalizzati al ripristino delle condizioni di sicurezza nei tratti viari interessati».
In particolare, l'atto del primo cittadino di Anzio era arrivato a margine...