Travolti e uccisi sul colpo. Sono morti a pochi metri di distanza l'una dall'altro Nelita e Pietro Tacconi, moglie e marito, uniti fino alla fine.
I due pensionati sono stati investiti da una Mercedes Classe A condotta da un 20enne che vive in zona e che, ai carabinieri del Nucleo operativo radiomobile di Aprilia giunti sul posto per i rilievi, ha dichiarato di non aver visto, nel buio della via La Gogna, i due pedoni fino al momento dell'impatto.
Li ha falciati, lanciandoli a diversi metri dal punto in cui sarebbe avvenuto l'impatto. Moglie e marito erano appena scesi dall'autobus che avevano preso alla stazione di Campo di Carne. Stavano tornando a casa da Roma dove sembra fossero andati per effettuare qualche visita. Dovevano solo attraversare la strada. La loro casa si vede dal punto dell'impatto...
«Viviamo qui da 30 anni e loro pure» ci dicono alcuni residenti. In lacrime la donna che ci dice si prendeva cura della coppia: «Sono anziani, lui ha compiuto da poco 84 anni, ma sono svegli, buoni, una bella coppia. Dovevo andare a prenderli, perché non mi hanno chiamato? Dovevo andare io, non dovevano venire con l'autobus... Ho chiamato la figlia perché sapevo che stavano tornando e non avevo loro notizie. Aspettavo che mi chiamassero, invece hanno voluto prendere il bus...». La donna e il marito sono addolorati, lo sono anche di più all'idea di aver dovuto sul momento mentire alla figlia della coppia a cui poco dopo quella prima telefonata, hanno detto di venire ad Aprilia perché i genitori avevano avuto un incidente.
«Qui, comunque, si corre troppo» ci dicono altri abitanti della zona.
La zona è La Gogna. Siamo al confine tra il territorio di Aprilia e quello di Ardea. Il pulmino ha lasciato i due coniugi praticamente davanti al meccanico che si trova all'uscita del borgo. «Sicuramente non li avrà visti» dicono in coro altri residenti.
I carabinieri di Aprilia che hanno disposto la chiusura di via La Gogna in entrambi i sensi, nel frattempo stanno effettuando i rilievi e cercando di ricostruire, con l'ausilio del giovane automobilista la dinamica della tragedia.
Sulla sua auto i segni dell'investimento, quello che sembra un pezzo del giubbotto di una delle due vittime. Il parabrezza distrutto, il paraurti anteriore destro pure.
Li ha investiti con la parte anteriore destra, forse per istinto ha anche tentato una manovra disperata. Inutilmente.
Si è fermato qualche decina di metri più avanti. Dall'officina sono usciti i titolari e i dipendenti. Sono corsi i vicini di casa delle vittime. Sono stati chiamati i soccorsi. Il personale del 118 ha tentato l'impossibile, poi ha dovuto constatare il decesso. I militari dell'Arma hanno disposto il sequestro della vettura, il ritiro della patente, le analisi per accertare lo stato psico-fisico del ragazzo. Da questo dipenderà il suo percorso giudiziario.

Sono due le vittime dell'incidente stradale che si è verificato nel tardo pomeriggio in via La Cogna, tra Aprilia e Ardea. Una vettura ha investito due persone che con molta probabilità stavano attraversando la strada, un impatto tremendo che non ha dato scampo alle vittime, sbalzate con violenza a terra e per loro non c'è stato nulla da fare e inutili si sono rivelati i soccorsi del 118. Sul posto sono intervenuti i carabinieri del reparto territoriale di Aprilia, che stanno provvedendo all'identificazione delle vittime e a eseguire i rilievi per stabilire la dinamica. 

di: La Redazione

Un terribile incidente si è verificato pochi minuti fa in via La Cogna, al confine tra Aprilia e Ardea. Due persone sono state investite da una vettura per cause ancora in via di accertamento, sul posto sono intervenuti le ambulanze del 118, i carabinieri del reparto territoriale di Aprilia e la protezione civile Airone di Ardea. Dai primi riscontri sembrerebbe esserci almeno una vittima. 

di: La Redazione